Archive for aprile, 2008

aprile 27, 2008

Sorridendo …

… oggi poche parole … e solo SORRISI …
aprile 15, 2008

Lezioni di bon ton …

Lezione N° 1 … per una sana cattiveria …

 

  • Vaghezza e ambiguità con chi non si conosce, 

  •  Se qualcuno/a ti asseconda e ripete tutto quello che dici, divertiti a contraddirti e a dire sempre l’esatto contrario di ogni cosa,
  • Sguardo impassibile,
  • Sostenere una conversazione con il dovuto distacco, 

  • Se si riceve un sms banale evitare di rispondere … meditare sul da farsi … “banalità scaccia banalità”,

  • provocare, provocare … provocare per il puro gusto di farlo, 

  • Mettere in difficoltà chi ti guarda con superiorità,

  • Confondere l’altro/a, 

  • Non farsi travolgere dalle emozioni, 

  • Evitare il contatto troppo condifenziale,

  • Non dare troppa importanza a quello che dice chi non conosci,

  • Sguardo strafottente, 

  • Indifferenza e noncuranza per gli sconosciuti/e,
  • Estraniarsi dai discorsi,

  • Lasciar squillare il telefono se non si ha voglia di rispondere, 

  • Se ti rendi conto che un ragazzo ti dice una bugia per far colpo su di te … non temere di dire ciò che pensi … bugia = stupidità … “verità scaccia stupidità”,
aprile 11, 2008

Incontri casuali …

... Lunedì ho accompagnato mia sorella a fare shopping …

Tra le varie tappe sapevo che saremo andate nel negozio in cui lavora una ragazza che non parlo da SETTE anni. Quando siamo entrate ho salutato sorridendo, e ho notato che per lei non ero una cliente qualunque … era come se si sentisse osservata, sotto pressione … era come se dovesse stare attenta a non sbagliare, a non cedere all’emozione …
io?  Gentilissima …

E’  lei che ha deciso di non parlarmi più dopo il diploma … e noi siamo cresciute assieme, vicine di casa, compagne di giochi, stesse scuole fino all’università …
Vederla senza poterla salutare mi è sempre dispiaciuto, anche se è la prima volta che lo ammetto …
Lunedì l’ho messa a suo agio … dopo un po’ mi guarda e dice: "Beh come stai?" Da lì abbiamo cominciato a chiacchierare, e ci siamo raccontate dell’università, delle esperienze di lavoro …
Ci guardavamo felici di essere in quel momento “riunite” … e abbiamo riso raccontando gli episodi delle superiori … ci mancava un abbraccio e sembrava un film 

Usciamo dal negozio, e Laura mi dice: “Non vedeva l’ora di parlarti” …Me ne sono andata dal negozio contenta … e ho trascorso la giornata più LEGGERA … stralunata ed emozionata …

che in questo periodo di emozioni vere ne provo poche, ma sono ancora capace di riconoscerle …

Chissà se incontrandoci ci saluteremo … io so già che lo farò …